DIFFERENZE TRA RAW E JPG?

Leave a comment
TECNICA

La fotografia digitale ha portato molti vantaggi ma anche molta confusione nel pensare comune.
Essendo una “nuova” tecnologia, ha portato con sè nuove tecniche e nuove terminologie.In questo articolo proviamo a fare chiarezza sulle principali differenze tra RAW e JPG, due formati distinti in cui l’immagine può essere registrata dalla nostra reflex e che spesso creano confusione.
L’argomento è comunque molto complesso, ricco di sfumature e segreti del mestiere, per cui vi chiedo di considerare questo articolo come “introduzione” o “panoramica” sul tema.

Spesso, durante i nostri corsi base di fotografia, prima di apprendere la differenza tra i due formati d’immagine alcuni allievi ci dicono “ho scattato la stessa immagine in raw e jpg e il risultato sembra uguale!”.
Questa affermazione è giusta e sbagliata allo stesso tempo.
Una stessa immagine, scattata in formato Raw e Jpg sembra identica quando la rivediamo sul nostro computer, allora perchè dovremmo scattare le fotografie nel tanto osannato e pesante formato RAW?
RAW in Inglese significa Grezzo , e indica il formato di massima qualità che una fotocamera può produrre.Solo fotocamere reflex o compatte evolute hanno la possibilità di registrare in questo formato.Il Raw è considerato il “negativo” della fotografia digitale, la fotografia registrata in RAW ha molti dettagli che non sono visibili ad una prima visualizzazione dell’immagine e che possono essere recuperati con la postproduzione.Una prima utile informazione è la seguente; il Raw, per essere visualizzato necessita di un software in grado di aprirlo (spesso vengono forniti insiemealla fotocamera).
Abbiamo detto che il Raw e il Jpg di una stessa immagine sembrano identici.. ma il Raw registra informazioni che non si vedono ma possono essere molto utili.
PRIMO ESEMPIO; recupero dell’esposizione
Ero in Marocco per un viaggio fotografico e avevo impostato la mia D700 su RAW+JPG,con questa impostazione ogni scatto viene registrato in due files nei due formati.

Tra gli scarti del mio reportage ho recuperato la seguente immagine sovraespostache vedete qui nei due formati;


Le fotografie sono uguali e questo darebbe ragione a chi sostiene che non c’è differenza trai due formati. la zona totalmente bianca delle nuvole e del terreno è totalmente “bruciata”Ho provato a sottoesporre i due files con Adobe Lightroom3e questo è il risultato:


Come è facile notare, lo scatto in Jpg mantiene la zona bruciata, avendo registrato pochi dettagli, non c’era nulla da sottoesporre in quelle zone.
Lo scatto in Raw a differenza ha registrato i dettagli delle nuvole e grazie ad un intervento è statopossibile recuperarli “salvando” così l’immagine.

I vantaggi del RAW sono spesso “invisibili” ad una prima valutazione dell’immagine, ma recuperabili con interventi mirati in post produzione, si dice inoltre che fare il bilanciamento del bianco in macchina sia pressochè inutile scattando in RAW, la ricchezza di colori di questo formato rende infatti questa operazione possibile a posteriori!

Vantaggi principali del formato RAW: Recupero dell’esposizione alte luci/ombre, bilanciamento del bianco a posteriori, profondità colore maggiore per interventi in post produzione, negativo digitale (è sempre possibile recuperare lo scatto originale anche se abbiamo salvato e modificato mille volte il nostro RAW)

Software consigliati: Adobe Photoshop Camera Raw, Adobe Lightroom 3

Posted by

fotografo free lance - www.alessandrovargiu.it

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s